Zen e vespa

Zen e vespa

Se fai le vacanze in le cose assumono un aspetto completamente diverso.

In macchina sei sempre in un abitacolo; ci sei abituato e non ti rendi conto che tutto quello che vedi da quel finestrino non è che una dose supplementare di TV.
Sei un osservatore passivo e il paesaggio ti scorre accanto noiosissimo dentro una cornice.
In vespa la cornice non c’è più.

Hai un contatto completo con ogni cosa.
Non sei uno spettatore, sei nella scena, e la sensazione di presenza è travolgente.
È incredibile quel cemento che sibila a dieci centimetri dal tuo piede, lo stesso su cui cammini, ed è proprio lì, così sfuocato eppure così vicino che col piede puoi toccarlo quando vuoi – un’esperienza che non si allontana mai dalla coscienza immediata.
Liberamente tratto da R. Pirsig “Lo e l’arte della manutenzione della motocicletta”

Ti è piaciuto l'articolo? offrimi una birretta!

1 Comment

  1. I loved as much as you will receive carerid out right here. The sketch is tasteful, your authored material stylish. nonetheless, you command get got an impatience over that you wish be delivering the following. unwell unquestionably come more formerly again since exactly the same nearly a lot often inside case you shield this hike.

Lascia un commento